Home » Economia e politica

Economia e politica

 

ECONOMIA E POLITICA NELLE CONVERSAZIONI CON DIO

 

Il libro “Conversazioni con Dio – Volume 2” e, più in generale, la serie delle Conversazioni con Dio affrontano ampiamente i temi economici, politici e sociali mondiali ed il loro legame con la spiritualità [NOTA], fornendo indicazioni e suggerimenti per risolvere i più gravi problemi che affliggono l’umanità.

Questa pagina presenta sinteticamente le idee che emergono dal libro “Conversazioni con Dio – Volume 2” per stimolarne l’approfondimento.

 

 √  Questa pagina si legge in 5 minuti

 

[NOTA]:

Il libro “Amicizia con Dio” riprende nel capitolo 18 il rapporto tra politica e spiritualità e ne definisce la natura. Viene affermato: «Non potete evitare di politicizzare la spiritualità. Il punto di vista politico che adottate è la vostra spiritualità tradotta in pratica. Comunque, forse non si tratta tanto di politicizzare la spiritualità, quanto di spiritualizzare la politica.»

 

 


          «Nuova Spiritualità»          


 

Le sfide economiche, politiche e sociali dell’umanità

Le numerose idee contenute nel libro “Conversazioni con Dio – Volume 2” si presentano come vere e proprie sfide per l’umanità, nella misura in cui essa sostiene di voler davvero affermare nel mondo moralità, pace, giustizia sociale e armonizzazione delle condizioni di benessere.

Tali idee assumono pieno significato e vera forza solo all’interno del libro, che ne esamina a fondo i presupposti e i benefici. Invece, estratte da esso e riassunte come accade in questa pagina, possono apparire ingenue o utopistiche.

 

 

La natura spirituale dei più gravi problemi del mondo

Come descritto chiaramente nel libro, i problemi economici, politici e sociali mondiali hanno natura spirituale, poiché derivano dagli errori concettuali su Dio, la Vita e le finalità dell’esperienza umana.

Per questa ragione, l’unica vera soluzione a lungo termine risiede nell’evoluzione della Coscienza e della Consapevolezza collettive.

Il cambiamento della Coscienza collettiva può far sì che gli uomini giungano ad accogliere l’idea che “Siamo Tutti Uno”, lasciandosi alle spalle la convinzione di essere separati gli uni dagli altri e separati da Dio ed abbandonando i conseguenti paradigmi del “Vince il più forte” e del “Sopravvive il più adatto”.

La Consapevolezza collettiva che “Siamo Tutti Uno” può far sì che gli uomini giungano a porre alla base della vita i concetti di amore, tolleranza, unione e responsabilità reciproca ed a stabilire come meta quella di assicurare l’esistenza ed il bene di tutti.

Questa evoluzione può, infine, determinare negli uomini una profonda modifica nello scopo di vita e nell’incentivo al successo, portandoli ad abbandonare quello dell’affermazione dell’ego (massimizzare le ricchezze e il potere) in favore di quello della realizzazione del Sé (essere l’immagine fisica della Divinità e fare quanto più bene possibile).

 

 

Brano "Nei giorni della Nuova Spiritualità..."

Alcune delle idee espresse nel libro “Conversazioni con Dio – Volume 2” ritornano, sebbene in una prospettiva ed in una veste differenti, anche nel libro “Il Dio di Domani”.

Esso offre una visione panoramica del mondo possibile e meraviglioso che attende l’umanità in futuro per effetto del cambiamento in corso nella coscienza collettiva.

Per la sua rilevanza tale visione è riportata nel brano intitolato “Nei giorni della Nuova Spiritualità…”. Esso è pubblicato in formato PDF nella pagina Cos'è la "Nuova Spiritualità"  di questo sito, alla quale si rimanda.

 

 


         «Nuova Spiritualità»         


 

Sintesi delle indicazioni e dei suggerimenti contenuti nel libro “Conversazioni con Dio – Volume 2” per la risoluzione dei più gravi problemi economici, politici e sociali mondiali

 

 

Governo centrale mondiale

  • Allo scopo di garantire indipendenza, protezione ed eque condizioni di sfruttamento economico degli Stati più deboli, instaurare un Governo Centrale Mondiale, ispirato al modello degli Stati Uniti d’America, che preveda:

− Congresso delle Nazioni, con due rappresentanti per Paese;

− Assemblea delle Nazioni, composta proporzionalmente alla popolazione di ogni Nazione;

− Corte di Giustizia delegata a risolvere le dispute internazionali;

− scioglimento degli esercizi nazionali (ricostituibili solo per casi definiti di necessità) e costituzione di una Forza di Pace unica, in grado di garantire militarmente il rispetto delle leggi comuni nei casi di aggressioni tra Nazioni;

− eliminazione delle armi di distruzione di massa delle singole Nazioni;

− Forze di Polizia nazionali con compiti d’ordine interno.

 

  

Visibilità e trasparenza dei guadagni e delle transazioni

  • Rendere pubbliche le retribuzioni individuali e i profitti di tutte le aziende del mondo, come mezzo per promuovere l’onestà e per rimuovere le disparità ingiustificate di trattamento economico. 
  • Rendere visibili e trasparenti le transazioni nei sistemi politico, economico e finanziario, come mezzo per creare equità e per superare la corruzione.
  • Rendere visibile ai clienti, oltre al prezzo di vendita, anche il costo di produzione di beni e servizi, come mezzo per rendere equi i margini di guadagno.
  • Comunicare apertamente e onestamente l’intera verità nelle relazioni politiche, economiche e sociali da parte di chi ha ruoli di responsabilità e potere, come mezzo per superare la manipolazione resa possibile da segreti e menzogne.

 

 

Sistema monetario e salariale

  • Abbandonare l’uso del denaro in favore di un sistema monetario e salariale mondiale completamente aperto, visibile e affidabile, basato sul riconoscimento di crediti per i beni e servizi forniti e di debiti per quelli usati, applicato a tutti gli altri aspetti della vita in precedenza gestiti con il denaro (stipendi, premi produttivi, investimenti, eredità, ecc.), in base al quale nulla possa essere acquistato senza crediti. 
  • Rivedere gli stipendi dei dipendenti pubblici in funzione della rilevanza del loro lavoro per il bene collettivo. 

 

 

Dignità umana e diritti fondamentali

  • Assumere come obiettivo quello di assicurare incondizionatamente a tutti gli individui il soddisfacimento dei bisogni fondamentali di una vita dignitosa (cibo, riparo e assistenza sanitaria) e uguaglianza nell’opportunità di elevarsi socialmente attraverso un buon livello di istruzione [NOTA].
  • Riconoscere a tutti i lavoratori del mondo i diritti fondamentali su salario minimo, orari di lavoro e condizioni di sicurezza, come mezzo per frenare la possibilità per l’economia di mercato di fare profitto a discapito della dignità umana.
  • Reinvestire i risparmi generati dall’eliminazione delle armi di distruzione di massa e degli eserciti nazionali (vedi sopra il paragrafo “Governo centrale mondiale”) in programmi sociali finalizzati ad assicurare i bisogni fondamentali di tutti gli individui.

  

[NOTA]:

L'idea alla base di questo punto è che tutti gli individui abbiano per nascita il diritto di esistere, a prescindere dal contributo offerto alla società.

Nella prospettiva spirituale secondo la quale la vita di ognuno è finalizzata alla più alta realizzazione di Sé, perdere l’opportunità di realizzare se stessi costituisce di per sé un prezzo sufficiente per l’ozio, la pigrizia e l’indolenza.

Al contempo, la garanzia di vedere soddisfatti i bisogni primari, e quindi di poter smettere di lottare per la sopravvivenza, consente di scegliere liberamente di impegnarsi nel lavoro se si vuole di più e di orientarsi verso mete più elevate, senza per questo impedire in alcun modo il successo personale di chi ha già di più.

 

 

Limite volontario ai guadagni individuali e “grandezza” personale

  • Come mezzo per coniugare il piacere e la soddisfazione di raggiungere enormi guadagni e la propria grandezza individuale con lo scopo di fare più bene possibile:

− definire di comune accordo un limite massimo ai redditi individuali e destinare l’eccedenza a programmi per il bene collettivo;

− rendere pubblico il nome del benefattore;

− dividere equamente la gestione delle risorse tra il benefattore stesso e il governo mondiale centrale, lasciando a ciascuno dei due soggetti la scelta delle iniziative da attuare.

 

 

Energie, consumi e materie prime alternative

  • Sviluppare l’uso delle energie alternative, ridurre l’immenso spreco di cibo, ridurre “l’obsolescenza pianificata” dei beni. 
  • Sviluppare l’utilizzo della canapa indiana (marijuana) per tessuti, cordami e carta, quale materia prima tra le più versatili, forti, resistenti ed economiche esistenti in natura.

 


          «Nuova Spiritualità»          


 

Progetto con finalità divulgative.

Nessun legame personale o commerciale con l'autore Neale Donald Walsch o le case editrici dei suoi libri.

Nessun obitettivo di costituzione o promozione di religioni o analoghe organizzazioni.